Galatea Belga Broderies

Bienvenue sur mon blog . Un peu de ma vie mais pas nécessairement le plus essentiel…

24 novembre, 2013

Senza schieramenti !

Classé dans : In italiano,Journal,Un peu de moi... — galatea @ 14:13

Senza schieramenti

Mitogese “fino al midollo ” e desiderosa, innanzi tutto, di vedere un futuro per il luogo che mi ha vista nascere e formata, ho capito subito che per far continuare a vivere il mio villaggio natio , avrei dovuto fare uno sforzo in più e lottare anche per Castiglione e il suo territorio tutto.

Aiutare , dove possibile , l’Amministrazione attuale è quindi una necessità e non uno schieramento. La mia formazione, certamente non partitica mi fa vedere sempre le persone e non le loro appartenenze.

Mi associo ben volentieri, quindi, con chi mostra di avere finalità comuni , che riguardano la comunità  o la società in generale, vagliando, ovviamente la mia capacità di poter contribuire in qualche modo e cercando di capire la “bontà” di ciascuna proposta.

Poiché non affianco mai progetti pagati ma solo  di natura volontaria , di solito non mi ritrovo in strani giri, anche se devo ammettere di aver preso qualche granchio solenne in compagnia di aspiranti protagonisti maldestri di certe scene cittadine…

Castiglione, più viene  studiato , analizzato, conosciuto e percorso  e più le persone ne subiscono il fascino, al tempo stesso denso di promesse e di quasi disperazione.

Castiglione può essere visto come  il gioiello sulla collina della Valle dell’Alcantara, punto storico nevralgico che può dialogare con Taormina, perché ha le carte potenziali per fare brillare di luce turistica l’entroterra della Valle e far completare un circuito magico tra mare , vulcano e fiume che solo il nostro distretto può vantare.

Qualcosa si muove e i vari Enti presenti Parco  dell’Alcantara , SOAT,GAL stanno proponendo nuove idee possibili di sviluppo. Putroppo , quasi sempre tutte queste belle e quasi geniali proposte-soluzioni vengono condivise tra oratori illustri con l’assenza degli attori , gli abitanti della Valle o altri appassionati che potrebbero qui trasferirsi e fare impresa.

Anche il saper coinvolgere e informare ha un valore importantissimo per non fare morire un territorio.

In una fase storica cosi deprimente e umiliante per il nostro Paese, cominciare da luoghi come la Valle , Castiglione una nuova era con utilizzazione di eventi , seminari che non siano utili solo per giustificare i fondi utilizzati o la esistenza di Enti , mi pare il minimo indispensabile per costruire il primo gradino di sviluppo…

E, oggi, scendendo nel concretissimo , ma abbordabile gesto  che ognuno di noi può fare: perché non aiutiamo i volontari che stanno lavorando da oltre un mese per preparare le decorazioni natalizie per Castiglione e le frazioni ?

Se non si dialoga con i nostri attuali amministratori non si può capire quali sono le loro  difficoltà reali del gestire un comune  adesso.

Se non facciamo presenti i nostri punti di vista e non li vagliamo insieme a chi dovrebbe sbrogliare la matassa in questo momento , vivamo solo di rabbia inutile e perniciosa per chi invece vorrebbe fare ma non ha mezzi economici e ..neanche supporto morale…

Forse Castiglione quest’anno non vincerà alcun premio regionale o nazionale per il setting natalizio più bello, ma il gruppo di volontari sta creando con piacere qualcosa che renda più bello il nostro borgo e che ci faccia ricordare che Uniti si può osare di più e meglio.

Per chi desiderasse aiutare , l’appuntamento oggi è alle 16,00 vicino la Basilica della Madonna Catena, nei locali della STAR.

 

 

18 novembre, 2013

Un Noël avec Harry ?

Classé dans : Journal,Life,Tristes,Un peu de moi... — galatea @ 13:32

Quand j’écrivais encore des cartes aux amis , à la famille , je signais toujours: M, M, G &Harry, orgueilleuse du membre poilu de la famille.

Harry va vieillir comme moi , comme mon amour , comme mes amis.
L’avoir encore avec nous pour les prochains jours de réunion familiale est devenu une prière , un cadeau précieux que nous espérons recevoir surtout pour notre fille.

Je suis redevenue maman d’un bébé qui va … mourir.
Je sors la nuit sans lune ou sans étoiles et je découvre mon jardin qui frissonne à l’aube , pendant que Harry montre quelques signes d’agilité traversant la foret d’acetosella charnue et décorée de gouttes de rosée rondes et lumineuses.
Les troncs des oliviers sont les géants contre lesquels le chien se bat , impuissant comme un combattant qui ne pourra jamais gagner un round.
J’aime le voir remonter parmi les fils d’herbe qui le caressent , peut être l’embrassent pour ne le faire partir…
Le voir grimpeur un muret est l’espoir qui revienne comme si on pouvait défier les lois éternelles de cette vie.

Je rentre chaque nuit renouvelant mon pacte secret avec le Mystère afin qu’Il me donne le pouvoir de guérir, soutenir mes aimés avec mes attentions , peut être mon amour…

10 novembre, 2013

Des olives et de la dernière vague

Classé dans : Autunno,In italiano,Journal,Life — galatea @ 22:56
La Sicilia è verde in autunno .
L’ acetosella ricresce e i suoi brillanti fiori gialli si armonizzano con gli agrumi che cominciano a maturare .I rami di ulivo si piegano sotto il peso delle olive ormai viola e grasse di prezioso olio . Le stacco a una a una, compiendo quasi un rito sacro , e spero , come una sciocca contadina di ritorno , che lo sfiorare queste drupe diventi un trattamento di bellezza per le mie dita .
Ma che importa , la glicerina più tardi ripristinerà la morbidezza delle mie mani e io avro’ goduto una temperatura gradevole , il fruscio delle foglie e di alcuni uccelli che trascorreranno l’inverno qui .
Ieri ho incontrato Zayd e Amhed .
Egiziani che sono arrivati in barca , con gli altri ora vivono in case-famiglia per i giovani.
Tredici anni , belli , gli occhi luminosi , ma che sembrano non avere nessuna voglia di esplorare troppo lontano .
Parlano pochissimo italiano , hanno una conoscenza limitata della lingua inglese , il francese non lo parlano affatto , comunicano tra di loro in arabo .
Sono inseparabili compagni , fratelli di questa nuova avventura .
Un medaglione d’oro con il più grande nome inciso sul collo , un vecchio modello Samsung in tasca e un orologio vistoso adorna il loro polso .
Probabilmente non rimarranno sull’isola , prenderanno con loro il bagaglio di violenza subita , l’aggressività accumulata e il desiderio di toccare il suolo di un paese che potrà farli diventare uomini di pace , il mio cuore spera.
Guardo commossa i vecchi ulivi , felice di essere qui , nella terra dei miei antenati , rifacendo i loro stessi gesti , ma senza le loro ansie.
L’ abbondanza della produzione o la qualità non impeccabile delle drupe non cambia la sacralità serena di questa raccolta .Zayd sembra diventare facilmente frustrato . Ieri, annoiato durante la proiezione del video e la presentazione dello speleologo , si appoggiava, quasi alla ricerca di un rifugio , sulle gambe di Ahmed che, istintivamente, faceva sfiorare con le sue le sue giovani mani i riccioli , quasi biondi, e il viso ben disegnato del suo inseparabile compagno .

Nonostante la mie distrazioni ,e le mie fughe mentali in diversi altrove, le olive si accumulano nelle ceste .
Domani torniamo al frantoio per la loro spremitura .

Facciamo la doccia e ci prepariamo per il laboratorio della domenica.
Si preparano le decorazioni di Natale per il nostro paese, con altri amici , il sindaco, ecc .

A volte mi sento come se nella la mia realtà stessimo preparando un film Disney e temo che , aprendo la porta di questa Cinecittà rurale , ci troviamo poi in un brutto film siciliano dove tutto è immutabile , in rovina , senza futuro …

 

 

La Sicile est verte en automne.
L’acetosella* repousse et ses fleurs jaune vif font pendant avec les agrumes qui commencent à mûrir…Les branches des oliviers se plient sous les poids des olives violettes et grasses d’huile . En les détachant, une à une, j’espère , la sotte , de faire un traitement de beauté à mes doigts. Mais que importe , la glycérine, plus tard, redonnera souplesse à mes mains et moi j’aurai profité d’une température agréable , des bruissements des feuilles et de quelques oiseaux qui vont passer l’hiver ici.Hier, j’ai rencontré Zayd et Amhed.
Egyptiens arrivés en bateau qui, avec d’autres , vivent maintenant dans des maisons d’accueil pour jeunes.Treize ans , beaux , le regard vif mais qui semble n’avoir pas envie d’aller se poser trop distant, ils parlent peu l’italien , comprennent assez peu l’anglais, pour rien le français, communiquent entre eux en arabe.
Ils sont inséparables, compagnons , frères de cette nouvelle aventure.

Un médaillon en or avec le plus grand nom ciselé au cou , un Samsung vieux modèle dans les poches et une montre status symbole orne leur poignet.

Probablement ils ne resteront pas sur l’ile, ils emmèneront ailleurs leur bagage de violence subie , d’agressivité et d’envie de toucher le sol d’un pays qui pourra les faire devenir des hommes de paix , mon coeur espère.

Je regarde émue le vieil olivier , contente d’etre ici, sur la terre de mes aïeuls, refaire les mêmes gestes mais sans leurs angoisses.

La production pas abondante et quelques vers qui tache les drupes ne modifiera la sacralitè sereine de cette cueillette.

Zayd semble devenir facilement frustré. Hier, ennuyé pendant la projection et la présentation du spéléologue, s’est appuyé sur les cuisses de Ahmed , qui , instinctivement , a commencé à frôler ses jeunes mains entre les boucles , presque blondes et sur les visage de son essentiel , son compagnon inséparable.

Malgré ma distraction, et mes fuites mentales dans plusieurs endroits, les olives s’accumulent dans les caisses.
Demain on retournera au moulin pour les presser.

Douche et préparation pour le laboratoire du dimanche .
On prépare les décorations de Noël pour le village avec d’autres amis, le maire , etc.

Parfois j’ai l’impression de vivre ma réalité comme la préparation d’un film de Walt Disney et je crains que , en ouvrant la porte de cette Cinecittà rurale , on se retrouve dans un mauvais film sicilien où tout est immuable, ruiné , sans futur…

 

 

19 juin, 2013

Carpe Noctem

 

Image de prévisualisation YouTube

Le jour reprend sa cape nocturne
ses parois d’ombres
épaisses tombent
taisant les mots
couvrant le feu de simples désirs

La nuit a des bruits
ses échos du jour
vagues
ressacs violents
entourants nos vies

Avides de calme
mes yeux aussi n’aiment pas dormir
dessinent ton corps
tes bras connus
ton dos solide
mon espace sur

Mes doigts sont plumes
qui t’écrivent des vers
des longs appels à la douceur

La nuit même noire
a une aube tendre qui lui fuira
et sous la lune
gardienne complice
nos membres dialoguent
chuchotent l’amour
remède puissant pour mitiger
angoisses et peurs
du temps qui vient du temps qui vaCarpe Noctem dans Amore notte-stellata-van-gogh-300x240

9 juin, 2013

Elle nera

Classé dans : In italiano,Journal,Un peu de moi... — galatea @ 12:41

Elle nera dans In italiano compleanno-maria-1-maggio-13-047

 

L’antico stipite di pietra lavica

è un’elle nera

aperta sul vulcano

occhio che sempre guarda e  scruta  il mondo

 

Troppo rovine intorno a queste colline

e tra i sassi

solo lo spettro di un incerto  futuro

 

Il tiglio è verde

e offre il suo profumo

essenza viva che solitaria freme

quando la brezza di un pomeriggio stanco

lenta si aggira tra la sua fitta fronda

quasi carezza per mitigare fragile

quella tristezza

che si respira intorno

 

E con l’aiuto di Pino  Garofano

Un’elle nera
l’antico stipite di pietra lavica
aperta sul vulcano
occhio che sempre scruta il mondo

Troppo rovine intorno a queste colline
tra i sassi
solo lo spettro di un futuro incerto

Il tiglio verde
offre il suo profumo
essenza viva che solitaria freme
quando la brezza di un pomeriggio stanco
lenta si aggira tra la sua fronda
quasi carezza per mitigare
quella tristezza
che si respira intorno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

14 mai, 2013

Stupore estivo & Non canto con gli uccelli

Classé dans : Amicizia,In italiano,Journal,Un peu de moi... — galatea @ 21:08

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=sDC97j6lfyc#!

Occhi rivelatori

di belle implicazioni

di lunghi fili annuali

e  ore stese al sole

su tele di parole

 

Sapessi quanto amo

quei tocchi un po’ velati

di vera ammirazione

ma senza ostentazione

quel certo rimirare

tra fogli e congiunzioni

di tante verità

lasciate come tracce da

mani perspicaci e labbra silenziose

 

Immagini si specchiano

tra  slanci approvati

e desideri lenti

di menti in abbandono

vere coreografie di spiriti che vagano

 

*****

 

Mi arrampico ,  troppo debole

sulle ore dei miei giorni

graffiando le ginocchia

con le  spine dell’attesa e le ortiche della paura

 

Ascolto la natura

provare i suoi concerti

nel sole ormai quieto

di un maggio melodioso

 

con gli  uccelli che ripetono

il loro immutabile canto

senza l’ angoscia di verificare

se è ancora bello  questo  nuovo ritorno

 

Siamo i soli a vivere il fulgore dell’istante

appesantito

di anni  di ricordi e di attese

a volte anche deluse

 

Versione sfoltita con l’aiuto dell’amico  Garofano A.   »Pino  »

 

Mi arrampico, debole
sulle ore dei giorni
graffiando ginocchia
con spine d’attesa,
ortiche di paura

Ascolto la natura
provo i suoi concerti
nel sole ormai quieto
di un maggio melodioso
con gli uccelli che ripetono il canto
senza l’ angoscia di chiedersi
se è ancora bello questo ritorno

solo noi umani
viviamo il fulgore dell’istante
appesantito da anni di ricordi, attese
a volte deluse

 

 

 

 

Stupore estivo & Non canto con gli uccelli dans Amicizia fille_10-300x261

10 mai, 2013

Pet Therapy

Classé dans : In italiano,Journal,Les autres,Life,Un peu de moi... — galatea @ 9:00

 

 

 

Smoky et Sooty miaulent à peine
Je les caresse regardant le tableau
Que la glycine et les lilas
Semblent créer pour me distraire

Mais les épines font encore mal
Piquent mes mains
Piquent mes nuits
Ronces de la vie
Hostilités de faux amis

Les enfants super-nourris
Font des daml’âges
Et pourtant personne
Re-dimensionne son Ego
Qui s’enlarge n’importe l’âge

On vit à coté de bébés ridés
Qui doivent “s’épanouiiiiiiiiiiiiiiiiiir”
Satisfaire leurs envies
Oubliant leur communauté
négligeant leur progénie
marchant sur le prochain ignoré

Je sais, je ne découvre rien d’extraordinaire
Je ressens ce qui se passait déjà hier
Mais c’est maintenant mon tour
Et j’apprends douloureusement

Smoky et Sooty veulent descendre
Faire sur le pré leurs doux combats
Harry les suit un peu étourdi
Le gardien sage de ce ménakge

Et toi, cont
Tu me racontes de ton réveil
Après un long songe
Un film étrange à la Luis Buñuel
Avec des filles qui t’attendaient
Dans la maison des aventures surréelles

Pet Therapy dans In italiano fiori-lilla-1274180689_39-300x200

 

 

 

9 mars, 2013

Come una nuvola stesa languidamente sulla vita

Classé dans : Amicizia,Amore,In italiano,Journal,Les autres,Life,Un peu de moi... — galatea @ 16:21

Come una nuvola stesa languidamente sulla vita dans Amicizia 198666_10151282603133185_1021244562_n-300x187

 

 

Quella danza di umori

enunciati mentali

quegli accenni verbali

lievi lasciati andare

vapori di masse grigie

traccianti movimenti da seguire

 

E quale voluttà

nell’afferrare la nuance  nascosta

lo sguardo che timidamente rivela

o il  sentirsi “ a casa “

nel territorio protetto della comprensione

nella zona temperata della vera connessione

 

Che ritmo regolare , a volte appena sincopato

quando tra una nota bassa e la sua eco

ritorna una gradevole ammissione

e gli occhi si illuminano

dopo aver captato quello strano chiarore

di un circuito amoroso

la cui sola tensione

è il calore ammesso della pura unione

26 février, 2013

Radici &E se ci occupassimo noi del nostro Paese, dei nostri quartieri ??

Classé dans : Journal,Les autres,Liens,Life,Un peu de moi... — galatea @ 21:04

 

 

 Radici &E se ci occupassimo noi del nostro Paese, dei nostri quartieri ?? dans Journal castiglione-300x225

 

 

 

Le radici sul monte

e gli occhi verso il mare

quei siciliani  biondi del vecchio quartiere

tra la via Pagana budello tra le scale

e la via Bellini che gira tutto  intorno

discesero verso la Valle lungo quel sentiero

antico , tortuoso

riparo di folletti bizzarri e  generosi

e sotto il Miramare anche franoso

rimasero incantati tra  viti

campi d’oro  e  uliveti

di quella striscia

in mezzo agli acquitrini

dove le acque chiare e fredde

di un fiume quasi sacro

gorgogliano tra rocce blu cobalto

e fronde d’oleandro e bagolari

e il volo di aironi che proteggono  dall’alto

superbi e singolari

 

****

 

E se cominciassimo a vederci NOI protagonisti e responsabili dei nostri quartieri , del nostro Paese ??

 

Parlare di volontariato, nelle nostra terra che conosce cosi bene la disoccupazione cronica come status a tempo indeterminato può quasi risultare provocatorio.

 

E però, a guardar bene , se non ci occupiamo noi , in prima persona del nostro territorio , dei nostri centri abitati , nessuna Amministrazione , anche la più efficiente e in grado di ottenere finanziamenti adeguati , può garantirci la pulizia , il decoro , il buon funzionamento.Se bastasse pagare davvero le tasse per avere una società che offre servizi adeguati ed efficienti , sarebbe solo necessario andare a scovare quei cittadini che non versano i contributi , non pagano le bollette, non hanno senso civico , desiderio di fare la loro parte, e con un po’ …di pazienza e forse avremmo risolto tutto. 

 

La verità è che questa condizione ideale di cittadini consapevoli e responsabili non ci sarà mai e che per rattoppare i tanti buchi dei mancati pagamenti , per eliminare il danno di inefficienze e inettituduni e della corruzione sanguisuga , dovremo sempre vigilare , denunciare e…FARE per non trovarci sommersi da rifiuti , da polveri e da situazioni che nulla aggiungono di positivo al nostro già difficile vivere quotidiano.

 

Giusto per fare un esempio la Prima Conferenza sul Volontariato, organizzata l’8 marzo dal Comitato Cittadino pro-S.P. 81, per far rivitalizzare Castiglione a costo zero, ha lo scopo di farci dare un ‘occhiata a noi tutti cittadini ad angoli, quartieri del nostro Paese e delle frazioni , per farci constatare le condizioni in cui si trovano strade semi abbandonate che ,pulite e decorate con un minimo di sforzo e un po’ di creatività , potrebbero far risaltare meglio il senso di appartenenza a questi luoghi di noi tutti e anche la bellezza antica e assolutamente dignitosa di una cittadina che potrebbe divenire un punto di riferimento per tutta la Valle dell’ Alcantara.

 

Allora uniamoci e partiamo per realizzare dei micro progetti di quartiere senza aspettarci che ci debba essere SOLO sempre la super capacità di Un padre Amministrazione che veglia su tutto e RISOLVE tutto.

 

 

Il volontariato, che non deve sostituirsi alle istituzioni , serve per mettere in luce  area ancora ignote che richiedono attenzione e supporto .Esso serve come avvio per nuove attività che dovranno poi essere gestite dagli Enti responsabili.  E’ fondamentale nelle emergenze , calamità,  nei casi in cui in cui l’assistenza è carente , inadeguata e non solo per negligenza…

Il volontariato è anche la maniera nobile che hanno tutti i cittadini che lo desiderano e possono anche solo tramite internet , scrivendo o telefonicamente, di dare alla sociètà un po’ del proprio tempo, delle proprie energie , capacità, abilità acquisite per migliorare la qualità di vita di un gruppo, di un singolo o di un’ intera cittadina … E’ il plus che fa la differenza e che, se fatto con il giusto spirito, unisce e ci fa sentire parte di un Tutto.

 

 

21 février, 2013

All along the watch tower& I tanti NO ! di un Comitato

Classé dans : In English,In italiano,Journal,Life,Un peu de moi... — galatea @ 11:33

All along the watch tower& I tanti NO ! di un Comitato dans In English 439523244853235495_zosjk67d1-300x206

 

 

 

When ignoring becomes a must

It’s time to avoid the invisible dust

When at dusk

Everything looks unjust

And the man is

On the brink of the blast

It’s time to take the risk

Kicking trolls and liars away

****

 

Il Comitato Cittadino come  segno di risveglio civile e i suoi tanti NO !

Un Comitato Cittadino , per definizione è pubblico e i suoi membri , soci , non sono dei Robin Hood mascherati .Essi hanno una identità che dev’essere nota e che garantisca agli altri cittadini che verranno coinvolti , della  serietà e coerenza necessarie per portare avanti una lotta per un diritto negato  o altro.

Un Comitato ha dei fondatori , persone che hanno a cuore un problema da risolvere e fanno un gesto pubblico di volerlo risolvere insieme ad altri cittadini che condividono l’idea.  Per motivi organizzativi, un Comitato ha un gruppo ristretto di soci  chiamato direttivo che serve a far svolgere meglio la funzione del Comitato, soprattutto verso l’esterno e per meglio arrivare all’obiettivo oggetto della formazione del Comitato stesso.

I  membri di un Comitato lavorano , offrono il loro tempo e le loro energie in modo assolutamente volontario e gratuito per  promuovere, realizzare  un progetto utile a un gruppo o a tutta la comunità . E’quindi  quasi automatico supporre che chi decide di farne parte deve tenere costantemente in mente queste caratteristiche fondamentali.

Un  Comitato diventa gruppo attivo e attento a cogliere tutte le informazioni con l’aiuto , il servizio di tutti i suoi  membri , con una circolarità delle informazioni con un controllo amorevole dei vari atti , per evitare di entrare in aree di scorrettezza formale.

La lealtà e la fiducia tra i membri sono requisiti essenziali che permettono SEMPRE di superare le inevitabili divergenze dovute a diversa formazione culturale e di approccio tipico di ogni personalità.

Il servire più padroni, l’avere degli scopi taciuti ma primari per i membri che si associano crea , inevitabilmente contrasti fino al punto da pregiudicare la capacità di scegliere la linea guida per il Comitato.

Infine,  volendo soffocare  l’anima ispiratrice, il  soffio ideale  di un Comitato e quindi la sua capacità di catalizzare l’attenzione e la voglia di fare degli altri cittadini  è sufficiente, polemizzare , sottolineare aspetti che nulla servono a fini del Comitato , far ritardare ogni azione con pretesti assurdi e carnevaleschi* , giusto per mettersi in luce come pseudo sapienti ,  individualisti alla ricerca di una ribalta più che del bene del propria cittadina , oppure  è sufficiente senza alcun merito creativo , coltivare lo sport preferito delle realtà immobili e senza futuro : il parlare senza mai fare.

 

Buon Comitato a tutti !

*Carnevale famoso giudice capace di far tornare liberi  fior di mafiosi a colpi di cavilli legali.

12345...9
 

Adorable Rencontre |
juno39 |
Du polar à lier |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Instantanés littéraux d'Afr...
| Réflexions pédagogiques par...
| Abandons