Galatea Belga Broderies

Bienvenue sur mon blog . Un peu de ma vie mais pas nécessairement le plus essentiel…

5 janvier, 2016

Ave Maria, piena di poesia

Classé dans : 2016,In italiano,Les autres,Life,Un peu de moi... — galatea @ 0:07

 

 

 

cenone-della-vigilia-di-natale-al-castello-weikersdorf-da-vienna-in-vienna-145617

Dai pori esce qualche strana rima

è dispersione senza più scuse

di linfa lirica

di tensione vitale

serrata a lungo

tra stecche di doveri insonorizzate

e tempo perso per le convenzioni

 

Ormai apparsi

ripieni e frastornati

facciamo dilagare

quella tristezza fin troppo trattenuta

e diamo il via al vivere normale

domani cercherò un ago

nel mio pagliaio delle riflessioni

e comincerò a cucire

quest’anno nuovo

col filo della  vita spesa

tra alti e bassi ma sempre con passione

 

Version- modifiée-en français

 

Malgré le froid de ce janvier
je ressens perler
quelques rimes étranges
de mes blancs pores
qui semblaient scellés
transpiration, sans plus excuses
de lymphe lyrique
de tension vitale
pour longtemps en moi
étanchée
insonorisée
par les bandages de mornes devoirs
et un corset de conventions

Désormais apparus
repus et quinaud
nous répandons
notre tristesse hier serrée
et reprenons notre tran- tran
d’insatisfaits nommés humains

Mais moi, demain, je vais chercher
une longue aiguille
dans ma blonde meule de réflexions
et je coudrai encore et encore
les jours d’un an
avec le fil de ma vie passée
un peu tordu et effiloché mais
au couleur de la passion

 

 

 

 

1 janvier, 2016

Preferiamo vivere in « nero  » ?

Classé dans : In italiano,Journal,Liens,Life,Un peu de moi... — galatea @ 22:49

 

 

DSC00834

 

 

Il primo giorno dell’anno, con tutti i rituali e le attese che si creano in ognuno di noi, finisce anche per diventare anche il giorno dei bilanci e della voglia di cambiamento, non solo a livello personale, ma anche come esseri che facciamo parte di famiglie, di comunità.Leggendo alcuni post, qui su Castel Leone, la sensazione di melanconia che mi ha pervaso in questi giorni è diventata quasi autentica tristezza. Anch’io come Rosalba , Maria Carmen vedo ancora una volta ripresentarsi un fenomeno molto diffuso : la scarsissima partecipazione dei tanti , le lamentele di tutti e la voglia di cambiare -davvero – le cose di pochi. Ogni volta che mi capita di condividere questo genere di riflessioni tra i castiglionesi- ma anche altrove- una delle risposte che ricevo è : troppi impegni , non riusciamo a conciliare vita lavorativa e familiare con altro …Stasera io mi chiedo: come può qualsiasi villaggio, paese, città , nazione… diventare più vivibile, sviluppato e generatore di futuro se i suoi abitanti non mettono a disposizione -ciascuno di loro – un po’ del proprio tempo, sapere, creatività, entusiasmo e generosità ? In fondo, le nostre società prosperano grazie al contributo economico di ogni abitante , attraverso le tasse , più o meno pagate, secondo i nostri redditi… Ma allora, da un punto di vista sociale, della cooperazione , dello stare insieme per goderci dei momenti sereni e di festa o per migliorare le cose che non vanno attraverso la consultazione, la riflessione comune…siamo forse tutti degi esseri sociali che amano vivere  » in nero  » ??? cioè senza mai contribuire ?? Spero proprio di no e auguro a tutti un nuovo anno , felice, bello e anche responsabile …:-)

6 décembre, 2015

Mésaubes *

Classé dans : 2017,Amore,In italiano,Les autres,Liens,Life,Un peu de moi... — galatea @ 15:16

 

Risultati immagini per dawn

Mon aube a le café en bouche
des rendez-vous derrière un nuage
des oliviers gardiens des siècles
qui font hommage à mes divagations

Au passage somnolent de la nuit
l’aube saisit les rênes avec douceur
prépare la scène avec les bises
et mets ses touches de pâle loueur

Pendant que j’ ouvre mon écrin à mots
laissant libres des instants parfaits
mésaubes* affluent avec leur promesses
mais puis le jourrt ma vie en pause
barbouillent rigides
tranchent austères
mes minces espoirs et mes rêves dorés .

Mèsaubes* nèologisme: des Aubes entre les couches du la vie

Image de prévisualisation YouTube

Je passe toujours vite

Je passe

sur la  pointe de pieds

haletante

 toujours  affamée

Un jour,  j’ai perdu ma vie

engloutie

par mon envie de vivre

Tu sais,  je passe , heureuse

chaque instant

guidée par  mon point de dédition

et confuse entre mille inspirations

perdue et ravie de me dissoudre

°°°°°°

 Les Etres sans qualité

Risultati immagini per carnival masks venice

Restez comme vous êtes
mielleux, surnois, perfides…

Remettez en place
de votre théâtre les personnages
d’un monde qui pue
vos maintes versions d’un Ego qui tue.

Vous avez le don de faire comprendre
que dans ce monde
la liberté se cache mal
derrière un masque, même si en or
et dans les derives sans revolution.

Un jour, peut-être, vous comprendrez
que vos insanités, ont juste aidé
des etres faibles sans dignité
et que votre route pour le respect
et un brin de comprehension
est derrière la porte de la sincérité.

Restez comme vous êtes
pauvres valets de vos pulsions
vos mots fumet sont le pamphlet
d’une vérité empreignée de haine
les fins portraits d’ écrivallions.

t/2/2017

Maryline sort de l’oubli

12351179_1964396043786368_87567937_n

 

 

dans la gorge
un cailloux lourd de mélancolie
elle parcourt les ruelles vides
du vieux quartier couvert de lierre
dans les entrailles de la roche de grés

l’ancien chateau, remplis de trous
est l’incertaine ombre
les perfuseur des gouttes d’ orgueil
du regard bleu de Maryline

sur son balcon
des gobelets , arbres d’amour
sont ses offrandes
à son village qui va mourir

derrière l’écran, douce Maryline
femme crevée par la fatigue
si mal payée
femme couverte de solitude
demenageable de cette vie
avec un geste ou le souffle
trompeur d’une enieme brise de °coolitude

toute la nuit, faible Maryline
envoie des cris
images belles de la vallée
et son sourire, signé tristesse
pour arracher un j’aime distrait
aux chasseurs d’âmes
faussement polis
à des amis
pour l’amplitude d’un long click

*Nèologisme: froideur entre les humains

A’ Francy, nouvelle amie de Facebook

Image de prévisualisation YouTube

 

 

 

 

 

L’ombre

Image de prévisualisation YouTube
Ce matin aussi, en se réveillant , elle a enfourché ce 7 février 2016 sans trop regarder l’agenda du jour, comme souvent
S’il faut se plonger les hésitations aident peu.
Persuadée, depuis son enfance d’avoir un’ assistance spéciale , elle a parcouru les routes de sa vie avec toutes les modulations de la peur ou de l’insécurité, persuadée que la réussite l’attendait et que rien pouvait la rendre absolument faible parmi les humains.

Elle a traduit pas mal de rêves en réalité et les expansions mentales ont suivi les mêmes parcours: plongée hasardeuse, effort total pour s’en sortir et enfin, ponctuellement, gagner une autre rive.

Toutes ses relations ont été , intérieurement enveloppées par un bouclier d’affection des sa naissance , au moins c’est cela qu’elle a cru ressentir.

La fille solaire, celle qui peut donner ayant si tant reçu, la femme qui n’ a pas besoin de se protéger car le vrai vide, l’abysse de la solitude sentimentale lui est inconnu, n’a jamais touché la réalité corporelle de cette protection.
Elle n’a jamais entendu la voix la rassurer avec des promesse et des attentions manifestée.

Elle a donc ouvert sa vie au monde , aux autres en utilisant un patrimoine qui était comme un titre bancaire toxique, qu’elle a échangé jour après jour pour maintenir ses rapports , donner de l’aide, pleurer à coté des sans amour.

Elle a osé, vécu, , goûté en plein cette vie avec la conviction formidable d’être une chanceuse, la chanceuse et peut être elle l’est devenue vraiment, mais sans l’aide du vrai amour.

 

 

 

 

 

 

la Decorante

 

 

 

 

 

 

 

 

ancora qualche ghirlanda
attorcigliata
sull’albero della pazienza
le luci
rosse
illumineranno con luccichii la rabbia
questa lunga notte di dicembre

domani arriverà un altro
freddo giorno
sarà un Natale ripieno di doveri
e spero soffi
qualche brezza di speranza

 

 

24 dicembre 2015

 

 

 

 

 

 

 

amore di coppia

 

 

Trasformati, rimodellati

da onde inquiete o riposanti

ci ritroviamo ancora insieme

specchi, senza fumi

dei nostri volti

dei nostri pensieri

 

Desideriamo andare avanti

complici amanti, amici sinceri

verso un futuro di concretezze

belle attenzioni

e un surplus di azioni amore

per questo mondo che ci ha permesso

di fare nascere la nostra unione

 

 

 

E un po’ di profumo dei nostri anni…:-)

 

Image de prévisualisation YouTube

 

6 dicembre 2015

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma Castiglione ha un vivaio, una fucina…

dove creare il suo futuro ?
Per fortuna che oggi esiste Facebook!
Almeno, ora, in frazioni come Mitogio, puó arrivare qualche notizia, di quanto avviene durante i Consigli comunali o di come va nel nostro capoluogo.

Sappiamo che c’é la crisi economica, profonda, estesa e che nessuno riesce ancora a trovare i veri rimedi.
In effetti per noi, abitanti di un Sud mal collegato, mal gestito e mai abituato a partecipare attivamente alla gestione della vita pubblica il momento della risalita appare ancora più lontano.

A Castiglione, i problemi che sentiamo elencare ogni giorno dagli esperti sono ancora più macroscopici.

Da anni,i giovani, che potrebbero smuovere le situazioni stagnanti e complesse, se ne vanno in modo ormai quasi naturale.
Lo fanno perché desiderosi di realizzare la loro voglia di conoscere il mondo, di mettere a frutto le loro capacità e… perché cresciuti con l’idea che Castiglione puó e deve essere trasformato, divenire luogo di attività produttiva da chissà chi…

Diciamocelo con franchezza, quanti sono i cittadini che si riuniscono,focalizzano un problema , cercano di risolverlo, quanti si rivolgono alle agenzie che potrebbero aiutare nella creazione di nuove micro aziende, coltivazioni alternative, creazione di servizi utili per il nostro tipo di territorio con popolazione soprattutto anziana?
Esistono agenzie importanti che ancora potrebbero permettere l’accesso a fondi significativi per imprenditoria giovanile , dare idee di dove cercare altre informazioni, ma chi ne usufruisce e come ?

A volte capita di vedere mettere in evidenza aspetti significativi del nostro patrimonio culturale.
Putroppo, ció che si realizza alla fine é il solito percorso improduttivo che agita le acque solo intorno ai protagonisti che, giustamente, intascano i quattrini per aver creato l ‘evento, invitato gli esperti…ma con una condivisione educativa e promozionale del territorio assolutamente inefficace.

Le pubblicazioni culturali sul nostro patrimonio artistico e culturale, in generale, sono apprezzabili, esse diventano però un costo eccessivo, e forse inutile, se non servono a far aumentare il numero di giovani consapevoli e più disposti a investire in questa realtà per il loro futuro di lavoratori e imprenditori.

Quando é il momento delle elezioni a Castiglione si accendono dei piccoli fuochi.

Ritornano in piazza gli esperti collaudati della politica locale. Cresciuti con l’obbligo del sentimento di divisione.
Per autentica mancanza di materiale umano, vengono spinti a competere anche persone oneste ma lontane dalla mentalità della politica.
Puó capitare quindi che venga scelta ad amministrare una squadra di cittadini più o meno volenterosi, poco allenati e avvezzi alle necessità e complicazioni delle costanti emergenze…
E il nostro Comune langue, malgrado la buona volontà di alcuni.

I problemi si accumulano, tra problemi generali e altri tutti tipicamente generati dal vivere la nostra realtà con indifferenza, delegando distrattamente o per difendere un proprio interesse, chiedendo, poi a gran voce, di eliminare subito i problemi accumulati con decenni di mala amministrazione.

Ci sono contribuenti che non hanno pagato bollette Enel , acqua e altro, per somme cospicue.
Difficilmente, nel passato questi debitori hanno sentito sul collo il fiato degli esattori.
Adesso, con la fragilità economica di tutte le famiglie e di quelle sparute attività che sopravvivono,sarebbe indispensabile essere impietosi e veloci nel riscuotere il dovuto…

E’ inutile ricordare gli errori, gravi, del passato, lo so bene. Ma sappiamo anche che per non ripetere gli stessi errori qualche volta è illuminante andare a rivedere il già fatto, la nostra storia locale.

Per me, ancora oggi, sono inaccettabili le negligenze di altri tempi e non vorrei che si continuasse allo stesso modo.

Mi vengono in mente l’oblio di generazioni di nostri ragazzi che, chiusa la scuola elementare locale , cominciarono ad essere iscritti tra Motta e Gaggi perché quei comuni,piú attenti, hanno immediatamente predisposto i pulmini necessari per il loro trasporto.

Da allora, i nostri giovani (tutti arrivati alla laurea!) hanno stabilito legami e consuetudini amichevoli non con altri giovani castiglionesi, ma con francavillesi, mottesi e gaggesi.
Cosi nelle frazioni è difficile trovare identità/orgoglio di appartenenza alla realtà castiglionese.
Inutile citare il trasporto predisposto si ,ma troppo tardi quando ormai i flussi erano stati diretti altrove e nessuno si è mai impegnato per ricollegare ,per esempio, Gravà e Mitogio con il completamento della strada sp81.

E che dire poi di quei i presepi design, delle feste tradizionali condite con presenze canore costose,che dire degli interventi di manutenzione da sceicchi arabi, etc, il tutto con la gioia e la coscienza a posto di chi favorisce l’amico imprenditore, altri, dimenticandosi che la nostra realtà è abitata da disoccupati, non abbienti con figli, pensionati al limite della povertà.

In quegli anni, a parte certi fuochi d’artificio momentanei e inutili per lo sviluppo autentico della nostra realtà, ci si è dimenticati dell’ associazionismo , dei giovani, degli anziani sempre più numerosi e in difficoltà.

Oggi ci si lamenta di vivere in un Castiglione senza programma autentico di sviluppo che va avanti solo con i tagli , le economie inevitabili dettati dal patto di stabilità, e con un tessuto locale povero di idee di voglia di fare.

A novembre, il Comitato pro sp.81 ha organizzato un’ assemblea cittadina per incontrarci tutti, per essere nella possibilità di dialogare con gli amministratori attuali, vedere insieme cosa si puó fare per migliorare SUBITO Castiglione , senza dover invocare fondi, progettoni…

Giusto per citare un esempio di cosa potremmo fare tutti e subito, ricordo che, grazie alla lungimiranza di qualcuno, Castiglione fa parte ( secondo me non del tutto meritatamente…) del club dei Borghi più belli d’Italia.

Essere membri di questa prestigiosa associazione ci permette, potenzialmente, di entrare in un circuito ricchissimo di opportunità per sviluppare turismo non mordi e fuggi, ma tutto l’anno, con ricaduta benefica per tutti gli operatoti commerciali, turistici locali e anche per gli abitanti.

Ma c’è molto da fare per raggiungere autenticamente gli standard di un borgo bello e visitabile con soddisfazione, senza aspettative tradite, da tanti appassionati, colti scopritori di territori dal passato storico al di fuori dei circuiti turistici consueti.
Qui da noi , è certo, essi potrebbero trovare qualità bellezza,se ci diamo da fare poco a poco per rendere fruibili percorsi naturalistici, monumenti visitabili, essere accolti in contrade dalle caratteristiche ambientali incantevoli, per assaggiare e comprare in aziende di prestigio, vini, gustare la nostra cucina , scoprire l’artigianato locale.

Durante quell’assemblea del 26 novembre è stata offerta la possibilità di sognare, scambiare opinioni senza schieramenti tra di noi e di dialogare con l’Amministrazione attuale per avere notizie, pareri sulla fattibilità delle proposte di noi cittadini.

Personalmente, avevo anche raccolto un bel numero di idee e adesioni per la riunione. Poi in realtà realtà tutti molti degli gli entusiasti , dei disponibili…a parole, non si sono presentati e abbiamo avuto l’onore di avere la compagnia di una sola giovane…

Questa è Castiglione al momento.
C’é sempre tempo per cambiare…

Una delusa che non smette di credere nei miracoli.

******

2/8/2913

Castiglione metafora di tante altre micro realtà siciliane e del sud.

Nel 2012 non abitavo ancora a Castiglione e non ho votato ma la prossima volta , se vorrò esercitare il mio diritto dovere di cittadina responsabile e adeguatamente attiva, penso che dovrò turarmi veramente il naso prima di andare a votare.
Castiglione ha pochi abitanti .

Castiglione e il luogo dove vivono tanti anziani e troppe persone che, come abilità principale, hanno sviluppato l’abitudine al pettegolezzo e alla distruzione anche del miracolosamente minimo possibile.

Chi scegliere domani per gestire il Paese ?
Dove sono le persone capaci di affrontare i problemi senza creare fratture o fazioni o che non si chiudono nelle loro stanze , incapaci di venire a guardare i problemi quotidiani ‘?

E , inoltre ,  è sufficiente scegliere chi mi sembra il relativamente più adatto ?

Dove sono le variabili non transitorie VALIDE cha tanto possono apportare o togliere alla vivibilità di un territorio ?   gli impiegati che assistono ai vari mutamenti politici ma che nulla cambiano della loro disaffezione per il lavoro che svolgono , dimenticandosi che svolgono un servizio alla comunità che viene loro retribuito ?

È chiaro che non credo affatto che tutto il personale che lavora per l’Amministrazione comunale sia poco produttivo e disponibile verso i cittadini utenti ma sono anche fermamente convinta che la qualità dei servizi e della vita di un luogo viene determinata dall’agire di ogni singolo individuo e da ogni responsabile di un servizio anche il più umile…

Per questo mi sembrano esagerazioni gli allarmi amplificati , gli insulti , le scenate , il mormorio , quel tarlo insomma che si chiama falsamente opposizione , che si vuole spacciare per partecipazione attiva alla vita di Castiglione e che invece resta “ cuttigghiu ! sterile che toglie forza e voglia di andare avanti a chi deve governare, non importa chi sia la persona.

Come tutti i bravi a sentenziare e a evidenziare solo i difetti e le incapacità degli altri , Noi Castiglionesi , diveniamo per un istante , nel momento in cui ci occupiamo dell’operato degli altri , magicamente impeccabili e risolutori abilissimi di qualunque problema che incombe sulla nostra comunità.

Finita l’apertura gorgogliante delle fauci , ridiventiamo “poveri kappa”, incapaci di dialogare serenamente e di inventarci per davvero piani strategici realizzabili e soluzioni condivisibili per il bene di tutta la comunità.
Castiglione è meraviglioso borgo che è riuscito ad attraversare i secoli , malgrado i suoi abitanti .
Oggi lo vediamo prostrato , in gravi difficoltà economiche e con prospettive POSSIBILI ma estremamente complesse da tessere e fare diventare strumenti per un autentica rivitalizzazione.

 

Castiglione non può diventare ALTRO e MIGLIORE solo se scarichiamo su una persona o un ‘Amministrazione boccheggiante tutte le responsabilità.
Questo non poteva avvenire quando c’erano le vacche grasse e non può succedere oggi che i rubinetti delle entrate e dei finanziamenti sono asciutti.
Come in una famiglia che vive momenti di tragica difficoltà a tutti i livelli, la nostra comunità può superare il guado di questi anni difficili solo utilizzando strumenti che non costano nulla: voglia di dare senza dover ricevere nulla in cambio personalmente , onestà intellettuale e capacità di superare le divisioni pseudo politiche che di fatto non hanno dietro ideologie o programmi ma semplice voglia di protagonismo ( nel migliore dei casi ), voglia di mettere le mani in pasta per sviluppare più che il Paese il proprio conto in banca da piccoli Berlusconi, neanche più trendy…

Dietro ogni parola che pronunciamo o che scriviamo ci sono sempre delle motivazioni e anche io ho le mie: mi sento frustrata e avvilita sapendomi parte di una comunità dove sono nata e che ho riscelto, persuasa che ognuno di noi deve dare qualcosa alla terra che l’ha vista nascere e che  ha accolto i suoi antenati.
Ma non è facile attraversare Castiglione e ascoltare ciò che viene detto o leggere tanti sfoghi.

Vogliamo provare a fare una sorta di grande assemblea propositiva con tutte le forze del Paese e vedere di sentirci tutti con un po’ di responsabilità personale in più nelle cose che non vanno e che devono essere reinventate , aggiustate?
Post –it Castiglione è a disposizione , come luogo neutro su cui lasciare adesioni alla proposta o suggerimenti.

Gli insulti , gli URLI lasciamoli sulle nostre   tastiere.

Grazie


5 septembre, 2015

Le Carillon

Classé dans : 2015,In italiano,Life — galatea @ 21:23
Image de prévisualisation YouTube

26 août, 2015

Le Jack Russell de la voisine

Classé dans : 2015,In italiano,Les autres,Life,Tristes,Un peu de moi... — galatea @ 22:39

2c7df2abe28d65ec444cd404f78a8e53

 

Le Jack Russell de la voisine
derrière la grille cache -soucis
pleure la nuit:
aimé un jour
oublié à jamais
son désespoir goupille bien mon insomnie

Et moi, j’écoute
des hommes vieillis le sobre silence
de ce hameau en extinction
géré, habité
par colonies de chats nourris
et bandes de chiens gentils et sereins

Les portes fermées tiennent à l’abri
tous les secrets de ma jeunesse
et l’éclosion de vies amies
éliminées ou englouties dans les roulis
de terres lointaines
ou dans le piège
de surplus barrières
entre nos racines et le monde entier

Le Jack Russell de la voisine
derrière la grille montre-soucis
pleure la nuit:
il aimerait la compagnie
mais comme moi
doit passer les heures

Mais quand la brise de la vallée
revient souffler
la nuit alors remplit les vides
et fait oublier les manques obliques
et la chaleur

21 août, 2015

Carne affine di Luigi38

Classé dans : 2015,Gli amici poeti italiani,In italiano — galatea @ 21:34

11013583_798888803557489_2676231986445466496_n

 

 

Lo smarrimento del passo
al buio non lo posso raccontare,
e anche se volessi non saprei
descrivere cosa sia la sensazione
di galleggiare sdraiato sopra
la scorza di una ninfea, oppure
d’essere eco senza risposta
che si spande tra le due ferite
di una valle stretta, senza fine.

Anche se talvolta provo a dire cosa sia
questa smania d’abbandonarmi
sul fondo di una chiglia e osservare,
senza saper pensare, il cielo, l’acqua
la sabbia al sole, o anche possedere
una mano pigra che vorrebbe intingersi
dentro il colore e disegnare circonferenze
debordanti da ogni centro d’attrazione,
e carni in cui non c’è più traccia di passione

ma non so raccontare questo mio
bisogno d’approdo in una carne affine
ove il  mio vuoto possa trovare compimento
e questa sete trasformare in sazietà,
ecco perchè continuo a camminare
per tratturi e vecchie calaie ove s’è smarrita
ogni traccia di passione e spero
in un incontro che non arriverà se non
quando ogni ( bi )-sogno si sarà addormentato.

3 août, 2015

Anima Loci

Classé dans : 2015,In italiano,Les autres,Life,Non classé,Tristes,Un peu de moi... — galatea @ 20:06

w-anima_loci_hilton_of_cadbol

 

 

Image de prévisualisation YouTube

 

 

 

Rivoli di sudore

e ostinata  stanchezza

ci  vestono da estranei

mentre   celebriamo

la festa  degli  sguardi e dei  sorrisi mesti

 

Amici tra gli amici

ci dilatiamo

stendendo  fili  serici

tra esseri storpiati

da vuoti echi imposti

o  pieni indecorosi col  tanfo della crisi

 

Visibile, corposa

la fila degli assenti

voragine  impietosa

di antichi grandi amori

 

La trama in negativo

offusca la voglia di risate

e il nostro esser vivi

sembra tragicommedia

distratta commozione

 

Ma poi , anche stasera

la notte gran ruffiana

risoffia le sue note

di dama languorosa

che  i nostri lunghi pianti

ignora, anzi  sbeffeggia

e ,appesa alla tua mano, ascolto della musica

rifaccio quella danza sentendomi

sfoltita dal dolore

sbiancata dal rimpianto

e sono ancora io

la foglia che si libra

felice insieme al vento

si, sono l’anima loci

l’essenza che traduce

estranee  emozioni

in dolci movimenti

in intima fusione ora, su questo suolo

e poi, per sempre onda e riflusso

del vivere come  sogno

 

 

 

 

24 juillet, 2015

Lungo il filo dell’oblio

Classé dans : 2015,Amore,In italiano,Tristes — galatea @ 1:50

 

 

 

 

 

donna che cammina 640

 

Comment aimer ce lieu étrange

près du gouffre de l’âme

au bord du grand oubli ?

Pourquoi rester

ballerine de carillon

la jambe en l’air

pour une valse sans musique ?

Je ferme ce cercueil

-juste pour protection-

si belle , fut l’attente

inutile le retour…

**
Perchè restare in questo luogo strano

vicino l’abisso dell’anima

accanto all’orlo del dimenticatoio ?

Perchè restare

la gamba per aria

ballerina di carillon

di un valzer svuotato di suoni ?

Richiudo lo scrigno

-è solo autodifesa-

si bella, fu l’attesa

inutile il ritorno

16 juillet, 2015

Inno alla Magra Ebbrezza/Hymne à la Maigre Ivresse

Classé dans : 2015,In italiano,Journal,Life,Un peu de moi... — galatea @ 17:14

Inno alla magra ebbrezza

 

Il letto abbraccia la mia schiena

e quando, rilassata,invece di dormire

percorro la radura

che choc di ritorno

riempirono di nodi e iris alla crema

ritrovo un ventre piano

e curve laterali

perdute in pochi anni lampo

 

Felice, ridisegno

con tocchi forse un po’ caldi, contorni di salute

un corpo da vincente

da vera combattente

che torna a rigustare

le lunghe traversate di campi

che il grano rende biondi

e il  tempo un po’ sfocati

 

E in francese…

Le lit embrasse mon dos
mais quoique relaxée
j’arrive point à dormir

J’effleure ma clairière
que les chocs du retour
longues luttes d’opinion
ont parsemé de noeuds
et fourrées dunes blanches
de crème chantilly

Je trouve sous mes paumes
un ventre à nouveau plaine 
et galbes sinueuses
perdues pendant les ans -tempête

Heureuse, je dessine
avec des signes brûlants
contours de bonne santé
un corps de femme triomphante
vive et indépendante
encore sur la tranchée
prête à apprécier
longues traversées
de champs jaunes de blé
qu’un temps, impitoyable et têtu
me montre déjà flous


Inno alla Magra Ebbrezza/Hymne à la Maigre Ivresse dans 2015 img_4810

 

 

15 juillet, 2015

L’Insignifiance

Classé dans : 2015,Amore,Citazioni G. B.,In italiano — galatea @ 8:16

188897_477972605585755_853791460_n (1)

 

 

l’Insignifiance
n’est jamais accompagnée
par les attentions
la costance
et la trépidation…

galatea belga

 

123456...14
 

Adorable Rencontre |
juno39 |
Du polar à lier |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Instantanés littéraux d'Afr...
| Réflexions pédagogiques par...
| Abandons