Accueil 2018 Parlami di me

Parlami di me

0
0
97

Image de prévisualisation YouTube

42604329_10156772435968966_2369433869796507648_n

Tante cicale ancora nelle orecchie

ma non è l’estate che le fa cantare.

Ho già voltato 

non so quante pagine

e anche nostro il libro

sembra quasi  letto.

Ma che cosa importa ?

Lo sai anche tu

che la nostra storia

non finisce qui.

Anche in quelle pagine

che dobbiamo scrivere

noi vivremo ancora

pieni di stupore

rinviando altrove

la parola fine

e restando uniti come due graffiti

che una stessa mano

ha tracciato, libera

con colori e ombre. 

***

Tante cicale ancora nelle orecchie

ma non è l’estate che le fa cantare.

 

g.b.



J’ai déjà tourné

je ne sais plus combien de pages

et notre livre aussi

semble presque lu.

Qu’importe ?

Nous le savons trop bien :

notre histoire

ne s’arrête pas.

Même dans les pages

qu’il faut encore écrire

nous pourrons rester

pleins d’étonnement

remettant à plus tard

les durs mots de la fin.

Restons, alors, unis

comme deux graffitis

qu’une seule main

va encore griffonner

riches des couleurs et des quelques ombres.

 

Charger d'autres articles liés
Charger d'autres écrits par galatea
  • Decostruzioni

    E non vorrei dimenticarti. Raccolgo tutto per non farti sparire e indosso anche le tue par…
  • Così mi pare

        Vadano dove vogliono tutti questi giorni. Le loro ossa, reticolo di tristezz…
  • Quell’urlo ancora ignoto.

      Non conosco la tempesta che mi sdradica. Sono onde furiose, accanite strappaterra, …
Charger d'autres écrits dans 2018

Laisser un commentaire

Consulter aussi

The Supremes: You Can’t Hurry Love