Accueil Les autres U dari e aviri

U dari e aviri

0
0
72

 

 

 

Siccomu ijau na nticchia i putiri
ora mi mettu a fari favuri.
E’ daccussi’ ca pozzu cchianari
quacchi scaluni
Tu… ca appoj mi poi ridari u favuri
attia ti chiamo Primucantanti
ma non ti scuddari, ca sugnu iò
ca ti fazzu cantari.
Inveci attia… ti chiamo Supranupussenti.
Si , tu ppi mmia aj fattu viramenti tantu!
Ancora… all’autri ci spattu i muddichi
ca ppoi levitanu e diventunu riali.

E’ daccussi ca niatru cantamu:
un pocu stunati e mai scigliuti.

Picchi chiddu ca cunta
non è u bonu cantari
ma chiddu ca iò ti dugnu e cca tu
mi poj tunnari.

Poiché mi ritrovo con un pizzico di potere/ora mi adopero per fare favori/ed è cosi che posso scalare qualche gradino ./ Tu, che in seguito, potrai restituirmi il favore/ io ti nomino Primocantante/ma non dimenticare che sono io a farti cantare. / Invece a te, do’ l’appellativo di Soprano possente./ Si, tu per me hai fatto veramente tanto !/Ancora…per gli altri tante belle briciole/ che poi lieviteranno e diventeranno bei regali./Ed è cosi che noi cantiamo:/ un po’ stonati mai veramente selezionati./ Perché ciò che conta / non è saper cantare/ ma quello che io ti dò / e che tu potrai restituire.

Image may contain: 2 people, text
Charger d'autres articles liés
Charger d'autres écrits par galatea
Charger d'autres écrits dans Les autres

Laisser un commentaire

Consulter aussi

Autour du Béguinage

Comme toile de fond un gris impitoyable Des feuilles marrons résistent tout en haut de l&r…