Galatea Belga Broderies

Bienvenue sur mon blog . Un peu de ma vie mais pas nécessairement le plus essentiel…

24 mars, 2017

A fimminista siciliana

Classé dans : 2017,In italiano,Les autres,Life,Un peu de moi... — galatea @ 16:19

 

 

E mannaggia quannu nascemu fimmini !

Avemu vogghia di lamintarini

i cosi i fari su sempri ddà :

davanti all’occhi pi ffarini dispettu

o pi ricuddarini ca ‘nta stu munnu

ci sunnu chiddi

ca sinni sciddiccunu

e quannu tempu pari ca non cci nné,

friscunu, dommunu a tinchité !

Ammia mi pari …

ca stu munnu è stottu

e jò vulissi  darici na ddrizzata

mittennu u focu di tanta vuluntà

iuncennu a  ‘nticchià di onestà

di cumprenzioni

di sincerità.

Ammia mi pari…

ca a fini du cuntu

i fimmini su sempri chiddi

ca restunu arreti

facennu subbizza

travagghianu fora

criscennu figghi

comu principini

pinzannu e vecchi

ca non hannu cchiù valia

pi nnesciri fora

e sunnu suli, spittannu a morti

scurdati i tutti, pusati  nta na gnuni.

 

Jò sugnu fimmina

ma non sulu  mugghieri

ca vulissi scriviri a puisia

di cu po’  rideri o stari all’ummira

taliunnu u mari senza troppu pinzeri

vulennu diri qualchi cosa divessa

ammenzu all’omini

ca iannu a coppula e a chiavi giusta

pi  trasiri unni iè gghié

Ma sugnu fimmina ca non voli tragedii

e allura pigghhiu na bella cichira

china sula  i café

e poi mi carricu , ancora na vota

u pisu i   chiddi

ca mangiunu, bivunu  e sinni fregunu

di cui è gghié.

 

Scritta in dialetto mitogese, tra la provincia di Messina e di Catania.

La femminista siciliana.

E accidenti quando nasciamo donne !/E inutile lamentarci/ le cose da fare restano davanti a noi:/davanti agli occhi per farci dispetto /o per ricordarci che in questo mondo /ci sono quelli / che svicolano sempre7 e quando sembra che non ci sia tempo / fischiano, dormono a sazietà/

A me sembra…/che questo mondo sia  sbagliato/ e io vorrei dargli una raddrizzata/mettendoci il fuoco di tanta volontà/ aggiungendoci un po’ di onestà/ di comprensione/ di sincerità.

A me sembra../

Che alla fine della storia/le donne sono sempre quelle/ che restano indietro/ occupandosi delle faccende/ lavorando fuori di casa/ crescendo figli/ come principini/che non ce la fanno più/ad andare in giro/e stanno soli/aspettando la morte/dimenticati da tutti messi in un cantone.

Io sono una donna/ ma non solo una moglie/e vorrei scrivere della poesia/ come quelle donne  che possono sorridere o stare all’ombra a rimirare il mare senza troppi pensieri/volendo dire qualcosa di diverso/ anche tra gli uomini/che hanno la coppola e la chiave giusta/ per entrare ovunque/.

Ma sono una donna che non vuole drammi/ e allora prendo una tazza /piena solo di caffè/ e poi mi carico , ancora una volta/il peso di coloro/ che mangiano, bevono e se ne infischiano/ di tutti quanti.

 

Laisser un commentaire

 

Adorable Rencontre |
juno39 |
Du polar à lier |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Instantanés littéraux d'Afr...
| Réflexions pédagogiques par...
| Abandons